APPELLO AGLI INSEGNANTI

Anche quest’anno il governo ha attuato significativi tagli ai posti di lavoro in ambito scolastico, 8000 sono i posti di ruolo in tutta Italia, di cui solo 68 a Parma. Con questi numeri la scuola parte in riserva, sempre più posti saranno coperti da nomine a tempo determinato, molti altri saranno semplicemente tagliati. Lo scorso anno molte scuole hanno attuato un ulteriore riduzione del personale cercando di assegnare più di 18 ore (una cattedra) ai supplenti annuali. Ogni insegnante può accettare un carico orario fino a 24 ore, ma ogni 3 insegnanti che si comportano così uno di meno viene assunto dalla scuola. Dobbiamo ricordare, molti infatti non lo sanno, che le ore supplementari non sono pagate al 100% ma a circa il 75% rispetto all’orario ordinario e su queste ore l’insegnante a fine anno deve pagare le tasse! Lo sappiamo bene noi supplenti che ogni anno, avendo 2 CUD (all’inizio dell’anno si lavora con una scuola/un contratto da settembre si riprende con un altro) siamo obbligati a fare la dichiarazione dei redditi e pagare tasse salatissime!   

 

 

NON ACCETTIAMO PIU’ DI 18 ORE    

 

LAVORIAMO MENO MA LAVORIAMO TUTTI! 

This entry was posted in Generale. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *