NUOVO ATTACO AI LAVORATORI DA SACCONI

 Dopo Tremonti, Maroni, Brunetta, Gelmini un altro giannizzero di Berlusconi in primo piano, attivo e innovativo nel delineare l’ennesimo progetto di attacco ai lavoratori.E’ la volta del prode Sacconi (ex socialista ed ex cigiellino), ministro del lavoro e del welfare, che dopo aver contribuito al massacro dell’Alitalia e dei suoi lavoratori, si sta applicando al diritto di sciopero, essenzialmente nel settore dei pubblici servizi. Ma diamogli tempo…Come si sa la materia è stata abbondantemente “regolamentata” negli ultimi anni, a partire dalla legge 146 del 12 giugno del 1990 (Norme sull’esercizio del diritto di sciopero), modificata dalla 83 dell’11 aprile 2000.Nella sostanza, questi provvedimenti limitavano già fortemente l’esercizio dello sciopero dettando una miriade di norme sul preavviso, sulle procedure di raffreddamento e di conciliazione da esperire prima della proclamazione dello sciopero, sui periodi di intervallo minimo da osservare tra uno sciopero e l’altro, ecc. Una gabbia, insomma, tesa, più che a tutelare i cittadini utenti dei servizi, a vanificare l’arma dello sciopero per i lavoratori. Una gabbia rifinita dai “sinistri” D’Alema e Bassanini.Ma tutto ciò al buon Sacconi non bastava e allora nel prossimo ddl sulla materia verranno introdotti nuovi vincoli all’effettuazione degli scioperi. Vediamo i capisaldi del provvedimento, almeno a quanto se ne sa oggi:        l’obbligatorietà di un referendum consultivo-preventivo in occasione di ogni sciopero e dell’adesione individuale (del singolo lavoratore) alla protesta. Si tratta, con tutta evidenza, di un tentativo di schedare preventivamente i lavoratori ed esporli conseguentemente ad ogni forma di pressione e di impedire ai piccoli sindacati di proclamare scioperi. Non a caso il ministro dichiara di voler: “tutelare le organizzazioni confederali maggiori rispetto alla concorrenza SLEALE  delle organizzazioni meno rappresentative”;         l’intervallo tra gli scioperi dovrà essere “più robusto e garantito”. Robusto quanto? Un mese, due mesi, sei mesi…? Che efficacia potranno avere gli scioperi?        si favorirà il ricorso allo sciopero virtuale. "Si può fare – spiega Sacconi – ad esempio con un fazzoletto al braccio per dire che io sono in uno stato di agitazione, perdo il salario e però il mio datore di lavoro paga una cifra congrua per ogni lavoratore che si astiene virtualmente dal lavoro". In questo modo "la controparte paga ugualmente" e queste risorse "vanno in un fondo solidaristico", evitando "l’interruzione del servizio ma legittimamente manifestando un disagio". Qui siamo al grottesco: il lavoratore lavora, l’azienda non lo paga e i suoi soldi vanno a finire non si sa dove. Nei fondi sub-prime? E a favore di quale solidarietà? Quella per gli speculatori che maneggiano con i soldi dei lavoratori, come è già avvenuto per i fondi pensione?        le sanzioni per infrazioni alle procedure saranno affidate ai prefetti, perché, a detta di Sacconi, in questo modo verranno “effettivamente applicate", visto che spesso sono "di poca misura e poco applicate". Attualmente infatti spetta alle commissioni di garanzia esprimersi in merito, per poi affidare al datore di lavoro l’applicazione, che però procede ad imporle "quando il conflitto si è esaurito e di solito non lo fa mai". Bene, si imbocca la strada della penalizzazione per chi pretende di esercitare liberamente il diritto di sciopero senza sottomettersi alle imposizioni. A quando la galera?Che cosa rimane da dire? Siamo evidentemente di fronte ad un’altro pesantissimo attacco ai diritti e alle condizioni dei lavoratori, giustificato dal falso presupposto che ci siano due categorie separate e contrapposte, da un lato lavoratori e dall’altro “cittadini” utenti di servizi danneggiati dagli scioperi. Falso perché la categoria è una sola: siamo lavoratori e utenti di servizi, costretti a scioperare per difendere le nostre condizioni salariali, di lavoro e di vita e dunque impegnati a migliorare quei pubblici servizi che i brunetta, i tremonti, le gelmini e i sacconi di turno vogliono tagliare e peggiorare.Infine, lo scioperare non è una gentile concessione della controparte, è un’arma fondamentale dei lavoratori, che, in quanto conflittuale, non può essere regolamentata da leggi o decreti di sorta. E’ un diritto naturale di chi vende la propria forza-lavoro a condizioni di rapina. E’ un’espressione storica delle lotte del movimento dei lavoratori. E’ una necessità, non un divertimento dei “fannulloni”. Ma questo Sacconi e i sindacati consociativi che gli fanno da sponda lo sanno benissimo. Cerchiamo di ricordarlo anche noi!

 

This entry was posted in vecchi comunicati e articoli. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *